PRENOTA UN TAVOLO

Mar - Dom 12.30 - 15.00 | 19.30 - 23.30





TUTTI PAZZI PER LA CUCINA ITALIANA

La cucina italiana contemporanea in questi ultimi anni ha subito una progressiva evoluzione, cercando di sperimentare nuovi tipi di cotture e accostamenti per esaltare al massimo sapori conosciuti e nuovi, il che le ha permesso di aggiudicarsi ancora una volta un posto d’onore all’estero.

Per cucinare oggi non basta una buona tecnica incrociando una serie di ingredienti giusti, ma serve fantasia, cultura culinaria e soprattutto sensibilità verso i prodotti offerti della terra rispettando il più possibile la stagionalità di frutta e verdura. Questa, secondo gli chef contemporanei, è la regola fondamentale per raggiungere un equilibrio che rasenti la perfezione. Si tratta di una ricerca continua, uno sperimentare cercando di cogliere l’essenza delle ricette di piatti tradizionali, come possono esserlo la polenta o la caponata, ed attualizzarle per creare nuove combinazioni di consistenze ma mantenendo tutto il sapore della tradizione.

Una tavola di qualità

Che sia cucinata in casa o ordinata comodamente a domicilio, secondo la nuova cucina italiana la cena deve saper coinvolgere ed emozionare, essere in grado di valorizzare il bello e il buono del passato e del territorio di provenienza dei prodotti. La cucina tradizionale deve emanciparsi passando dal concetto classico di pietanza “da trattoria” ad una nuova idea di alta ristorazione definita dai critici: la Nuova Cucina Italiana (NCI).

Questa nuova generazione di cuochi, oltre a possedere un’elevata tecnica di preparazione e uno stile culinario proprio, è anche spontaneamente portata all’innovazione, cercando di elaborare e di osare con qualsiasi alimento, dal più semplice a al più esotico, come l’ormai utilizzatissimo zenzero.

Il bagaglio di esperienze e contaminazioni acquisite nel tempo dai nuovi chef permette di avere una grandissima varietà di stili culinari con prodotti nutrienti di prima scelta e d’ispirazione contadina, come le minestre, la pasta con verdure, le zuppe e i minestroni, oggi rinati sotto una veste più minimale e raffinata.

La nostra vera ricchezza è il cibo

La cucina italiana resta ancora la più amata ed invidiata in tutto il mondo, grazie ad una cultura antichissima ai fornelli che contraddistingue le nostre regioni, ognuna con tradizioni e metodi di cottura che ancora oggi i ristoratori e i cuochi più appassionati portano avanti di generazione in generazione.

La dieta mediterranea, su cui gran parte delle ricette della cucina italiana si basano, è molto ricca anche di pesce e di carne, cucinati sia a crudo che alla griglia o fatti cuocere a fuoco lento per ricavarne sughetti deliziosi arricchiti da erbe aromatiche profumatissime. Se poi ci addentriamo nelle zone montuose potremo assaggiare una varietà di formaggi freschi e stagionati da abbinare con raffinati vini bianchi e rossi.

All’estero si cerca di esportare e di copiare in tutti i modi la nostra cucina, soprattutto primi piatti e pizze in tutte le varianti, ma per accontentare il gusto degli stranieri spesso i cuochi e i ristoratori si trovano costretti a rivisitare i piatti tradizionali, adattando da una parte cotture ed abbinamenti e utilizzando gli ingredienti a loro disposizione dall’altra, che non sempre possiedono la stessa qualità e freschezza di quelli reperibili nel Bel Paese. Così facendo, i piatti vengono completamente privati del loro gusto originale e perdono inevitabilmente il vero sapore della tradizione.

 

Fonte: http://www.viveremacerata.it

giovanni accettola